RUSSIA ALLARME UFO IL 24 E 25 GIUGNO 2016

RUSSIA ALLARME UFO IL 24 E 25 GIUGNO 2016. La notizia si presenta da subito interessante, avendo tutti i contorni di una notizia abbastanza attendibile. Il tutto risale secondo quando riportato dal sito  life.ru ai giorni 24 25 Giugno 2016 ci sarebbe stato in Russia un allerme ufo, che avrebbe fatto alzare in volo per l’intercettamento dei caccia appartenenti alle Forze Aerospaziali russe alla ricerca di ufo ( oggetti volanti non identificati ). Il primo incidente è avvenuto il 24 Giugno. Alle ore 20,00 circa (ora locale) i radar, che controllano lo spazio aereo dove, tra l’altro, si trova la rotta di aerei civili che si recano a Mosca, rilevano ad una altitudine di circa 9.000 metri un U.F.O., che si sposta ad una velocità molto bassa ( circa 40 km. orari ), che non risponde ai segnali di identificazione. Immediatamente, su ordine dell’aeroporto militare nella regione di Tver Khotilovo, è partito un caccia Sukhoi Su-27 per capire cosa fosse. Una volta rilevato, è stato attivato il segnale ” Tappetto “, ossia ogni aeromobile nelle vicinanze del caccia militare doveva atterrare negli aeroporti di immediata vicinanze, caso contrario attendere l’ordine per farlo.

RUSSIA ALLARME UFO IL 24 E 25 GIUGNO 2016
La foto non si riferisce al caso specifico

Si sperava che anche l’U.F.O. (forse perché si pensava fosse un aereo o altro mezzo convenzionale?) atterrasse, ma senza esito. L’ufo, posizionato – nel momento in cui il pilota del Su-27 lo aveva alla vista – sopra la regione di Smolensk, non profuse alcuna reazione. Dopo circa 30 minuti, apparve chiaramente la forma dell’U.F.O. L’oggetto compariva di forma decisamente sferica. Nonostante non fosse un aereo o altro mezzo conosciuto, l’oggetto volante non avrebbe, ufficialmente, rappresentato una minaccia alla sicurezza. Nel frattempo, dopo il segnale “Tappeto”, almeno circa 20 aerei erano letteralmente rimasti sopesi in area in attesa di ordinativi. Ad uno non fu permesso di decollare, mentre altri non potevano nemmeno atterrare. Nonostante l’allarme, subito dopo l’U.F.O. avrebbe proseguito la sua rotta, scomparendo subito dopo. Il secondo incidente si verificò il giorno successivo, il 25 Giugno 2016, sopra la città di Voronezh (famosa per gli sconcertanti avvistamenti U.F.O., con apparizione di “creature animate” di notevoli dimensioni alla fine degli anni 80 e inizi anni 90 del Ventesimo secolo), dove fu visto un oggetto volante non identificato, la sua forma risultò anch’essa di forma sferica. Anche in quel caso ci fu il decollo, dall’aeroporto militare di base a Kursk, di un ” Mig-29 “. E anche il quel caso, ufficialmente, l’U.F.O. non ebbe apparenti atteggiamenti ostili. Questi i fatti riportati per come dovrebbero essere andati i fatti. Mi riservo di attenzionare la notizia per ulteriori riscontri su questa misteriosa notizia proveniente dalla Russia. Buona lettura.

P.s. come riferito anche sulla foto, la foto allegata non si riferisce al caso specifico

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.