ANOMALIA DEL BALTICO NUOVE ANALISI

ANOMALIA DEL BALTICO NUOVE ANALISI. Vi ricordate del misterioso ritrovamento nelle profondità del Mar Baltico? ci sono novità interessanti. E’ notizia di qualche giorno fa, che dopo numerosi prelievi fatti nei fondali dove si trova la misteriosa anomalia del Baltico ( o qualcosa di non nostro aggiungerei io ), si è arrivati, dopo vari esami di laboratorio, che vi è una sensibile presenza di due minerali denominati Limonite e Goethite. La presenza di questi minerali è alquanto anomala, in quanto essi non sono presenti in natura sulla Terra. Questo insieme alle altre anomalie riscontrate in questo misterioso caso, non vengono considerate sufficienti per pensare che si possa trattare di uno schianto ufo ante litteram. Tra le tante anomalie che avvolgono questo caso, troviamo anche il fatto che, i subacquei della squadra ” Ocean X ” che si sono avvicendati nelle diverse immersioni fatte in loco, hanno tutte confermato il fatto che gli strumenti elettronici in prossimità dell’anomalia, cominciano a non funzionare adeguatamente. Per chi non ha seguito le vicende della misteriosa anomalia del Baltico, ecco un piccolo sunto.

ANOMALIA DEL BALTICO NUOVE ANALISI

Foto dell’anomalia del Baltico con foto affiancata del Millennium Falcon

Il tutto ha avuto ( più o meno ) inizio il 19 Giugno 2011, quando la spedizione denominata ” Ocean X ” nei fondali baltici tra la Svezia e la Finlandia alla ricerca di un relitto, notarono con gli strumenti di bordo, ad una profondità di circa 85-90 metri quello che a tutti gli effetti sembrava una struttura artificiale inabissatasi dopo aver percorso un centinaio di metri strofinando nel fondale. Il misterioso oggetto trovato sul fondale aveva un’altezza di circa 3-4 metri per un diametro di circa 90 metri.

ANOMALIA DEL BALTICO NUOVE ANALISI

Foto dell’anomalia del Mar Baltico con l’utilizzo del radar

Detto questo per rinfrescare la memoria ai più, bisogna dire che sull’anomalia del baltico si è detto e si continuerà a dire di tutto e di più. Relitto bellico, base sottomarina, accesso ad Agarthi ( Il mondo all’interno alla Terra ), ufo, una nave spaziale molto simile per non dire uguale al ” Milennium Falcon ” della saga di Star Trek, per passare a resti di un meteorite, o sottomarino, e quant’altro. Qualcosa di strano è, basti pensare che gli strumenti subacquei appena ci si avvicina sulla verticale smettono di funzionare, e riprendono il loro regolare funzionamento a circa 200 metri di distanza. Buona lettura.

I commenti sono chiusi.